Lepiota fulvella Rea 1918

Note: Lepiota fulvella è strettamente correlata a Lepiota boudieri, tant’è che certi autori, per esempio Vellinga e Huijser, li considerano sinonimi. Altri autori, come Bon (1993), distinguono le due specie. Sulla base delle nostre esperienze, noi condividiamo l’opinione di Bon e di tutti gli autori che considerano entrambe le specie distinte. L. fulvella si distingue da L. boudieri per i residui di velo generale sul gambo meno abbondanti e per le ife terminali dell’epicute più lunghe, non o scarsamente settate, inoltre si presenta quasi sempre gregaria e non subcespitosa come L. boudieri.

Entrambe si fanno riconoscere dalle altre Lepiota con colorazioni bruni, bruno-ocra-fulvastro del cappello, per le spore speronate e per le ife dell’epicute con pigmento in maggioranza intracellulare vacuolare solubile in ammoniaca.

In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino al 24 novembre


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.