A    B     C     D     E     F     G     H    I     J     K     L     M     N     O     P     Q     R     S     T    U     V     W     X     Y     Z

Cystolepiota Singer 1952

Specie tipo

Cystolepiota constricta Singer 1952

 

Principali caratteri distintivi

Carpofori pochissimo carnosi, submembranacei, di taglia piccola (simili a Lepiota).

Cappello pruinoso, farinoso, pulverulento.

Lamelle libere al gambo.

Gambo pruinoso, spesso con anello lanoso fugace, perlopiù dissociato sul margine del cappello e in zona anulare.

Sporata bianca, bianco-crema.

Spore lisce, da ellissoidali a subfusiformi, senza poro germinativo, destrinoidi e non destrinoidi, non metacromatiche.

Basidi normali, non tozzi, con Q maggiore di 2,5, senza pseudoparafisi sferopeduncolati.

Epicute di tipo epitelio, con sferociti (a ife sferiche, subsferiche-piriformi labili, non catenulate).

Giunti a fibbia presenti.

 

Delimitazione

Il genere Cystolepiota è distinto da Lepiota per la superficie pileica pruinosa, pulverulenta, non squamosa, con epicute di tipo epitelio, con sferociti, a ife più o meno sferiche labili.

Lepiota ha il cappello squamoso, con epicute di tipo tricoderma, trico-imeniderma. Pulverolepiota, genere molto simile e anch’esso  con cappello e gambo fortemente pulverulenti, è distinto per l’epicute di tipo plectocutis, a ife alquanto irregolari a forma di puzzle, per le spore finemente punteggiate, metacromatiche, e per l’assenza di giunti a fibbia. Echinoderma  ha il cappello con squame irsute, conico-piramidali, costituite da ife sferiche-ellissoidali catenulate, saldamente unite in catenelle. Anche il genere Cystoderma è con cappello e gambo pruinosi, farinosi, ma in questo genere le lamelle sono annesse-adnate al gambo.

 

Ecologia

Funghi saprofiti a crescita terricola, nell’humus dei boschi, sia di latifoglie che di conifere, nei canaloni molto umidi, sotto cespugli, tra foglie in decomposizione, perlopiù in zone calde e antropizzate, nei parchi, giardini, ecc.

 

Commestibilità - Tossicità

Tutte specie da considerare non commestibili, oppure tossiche come le specie del genere Lepiota.

 



In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino a data da definire.


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.