foto: S. Aiana (COMMESTIBILE)
foto: S. Aiana (COMMESTIBILE)

Suillus granulatus (Linneo : Fries) O.Kuntze 1898


cappello: 4-12 cm, prima emisferico, poi convesso, appianato, pulvinato; margine regolare, inizialmente leggermente involuto; cuticola vischiosa se umida, sericea se secca, debordante, completamente asportabile, di colore bruno-rossastro, bruno-giallastro.

tubuli: corti, adnati, biancastri, giallastri; pori piccoli, crema, poi giallo, giallo oliva, inizialmente essudanti goccioline lattigginose.

gambo: 4-10 x 1-2 cm, cilindrico, pieno, all’inizio di colore giallo pallido, poi più scuro, apice ricoperto di goccioline simili a quelle dei pori che essiccando tendono a formare granulazioni rugginose.

carne: spessa, tenera, poi molle, biancastra giallognola, odore fruttato, sapore dolce.

spore: in massa bruno-ocra, fusiformi, 8-10 x 3-5 µm.

habitat: in boschi e parchi, esclusivamente con presenza di pini a due aghi; estate, autunno.

Osservazioni: questa specie é facilmente separabile dagli altri “boleti” che crescono nel Parco perché presenta sempre un cappello vischioso, specie se umido, e inoltre nei suoi luoghi di crescita sono sempre presenti pini a due aghi; il S.granulatus é infatti un simbionte esclusivo di queste conifere.Il genere Suillus comprende altre numerose specie,non presenti nel Parco,tutte viscide e tutte crescenti esclusivamente sotto pini o larici. Questa specie è commestibile ed è conosciuta col nome popolare di “pinarolo”.


Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino a data da definire.


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.