foto: L. La Chiusa (NON COMMESTIBILE)
foto: L. La Chiusa (NON COMMESTIBILE)

Rhodocybe gemina (Fries) Kuyper & Noordeloos 1987


Sinonimo: Rhodocybe truncata (Quélet) Bon

cappello: 4-10 cm, inizialmente convesso gibboso, poi piano-convesso, piano, margine involuto, sinuoso, sovente lobato; cuticola di colore ocra fulvastro, carnicino pallido, glabra.

lamelle: da smarginate ad adnate al gambo, bianche, poi crema rosato, filo intero.

gambo: 5-8 x 1-2 cm, cilindrico, anche ventricoso, sodo e robusto, pieno, biancastro, fibrilloso, all’apice bianco e pruinoso, senza anello.

carne: bianca, con odore aromatico particolare, richiamante un po’ quello di Lepista irina, sapore gradevole.

spore: rosa carnicino, ellissoidi, punteggiate, 5,5-7 x 4-5 µm.

habitat: generalmente nei boschi di conifere, ma anche sotto latifoglie, a crescita gregaria, in estate-autunno.

Osservazioni: le specie appartenenti al genere Rhodocybe sono funghi omogenei, con lamelle da smarginate ad adnate-decorrenti e spore rosa, senza anello. Rhodocybe gemina, fungo commestibile, si riconosce, con certa difficoltà, per il cappello colorato d’ocra fulvastro, per il gambo bianco e per l’odore aromatico, richiamante un po’ quello di Lepista irina.


Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino a data da definire.


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.