foto: L. La Chiusa (TOSSICO)
foto: L. La Chiusa (TOSSICO)

Inocybe maculata Boudier 1885


cappello: 3-6 cm, inizialmente conico, poi conico-convesso con disco umbonato subacuto, margine lacerato; cuticola asciutta radialmente fibrillosa e lacerata, di colore bruno-ocra, bruno castano, con resti di velo biancastro o argenteo al centro.

lamelle: annesse al gambo, abbastanza fitte, inizialmente biancastre, grigio pallido, poi bruno terroso, bruno olivastro, filo finemente eroso.

gambo: 5-9 x 0,5-0,8 cm, cilindrico, con base bulbosa arrotondata o submarginata, crema nel giovane, poi giallognolo all’apice e imbrunante verso il basso, biancastro alla base, fibrilloso, fioccoso peloso all’apice.

carne: biancastra, giallognola verso la base del gambo, con odore da spermatico a dolciastro, sapore mite.

spore: brunastre, ellissoidi, lisce, 9-11 x 5-6 µm.

habitat: in boschetti di latifoglie, generalmente in terreno sabbioso sotto frassino, pioppo, a crescita gregaria, in estate-autunno.

Osservazioni: le specie appartenenti al genere Inocybe sono funghi omogenei, con lamelle annesse-smarginate e spore brunastre, con o senza cortina, con cappello caratteristicamente conico e radialmente fibrilloso, sovente con odore spermatico (generalmente considerate tutte specie tossiche). Inocybe maculata, fra le specie congeneri, si riconosce per il cappello brunastro, radialmente lacerato e con resti di velo bianco argenteo al centro, per la base del gambo bulbosa.


Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino a data da definire.


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.