foto: S. Tremolada (NON COMMESTIBILE)
foto: S. Tremolada (NON COMMESTIBILE)

Fomes fomentarius (Linneo : Fries) Fries 1849


Sinonimi: Polyporus inzengae Cesati & De Notaris
carpoforo: fruttificazione pluriennale, da sessili a dimidiati ungulati, largamente fissato al substrato, può raggiungere notevoli dimensioni, 30-40 cm di diametro, per un peso di oltre 2 kg, caratteristicamente a forma di zoccolo o mensoliforme, a consistenza legnosa; superficie pileica zonata, solcata concentricamente, ondulata, liscia, con una crosta dura, colore da bruno scuro a ocra rossastro nel giovane, grigio bruno chiaro da vecchio; margine ottuso, finemente feltrato.

Imenio: a tuboli, superficie inferiore poroide, crema ocracea, scurente al tocco; pori piccoli rotondi brunastri; tubuli pluristratificati, spessi fino a 5 mm.

carne: trama suberosa, tenace, brunastra, odore gradevole fungino, sapore amaro

spore: cilindriche ellissoidali, ialine, 5,5-7 x 15-18 µm.

habitat: cresce su latifoglie viventi, ritrovato su: faggio, quercia, carpino, platano e tiglio

Osservazioni: specie parassita, determina una carie (marciume) del legno che assume una colorazione bianca a chiazze. molto rapida e intensa; il legno diventa molto fragile e si frattura lungo gli anelli annuali di crescita, dopo la caduta della pianta continua a fruttificare sui resti della stessa. Conosciuto fin dalla antichità, veniva utilizzato per accendere il fuoco (fungo dell’esca).

 

Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino a data da definire.


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.