foto: S. Tremolada (COMMESTIBILE)
foto: S. Tremolada (COMMESTIBILE)

Flammulina velutipes (Curtis : Fries) Singer 1951


Sinonimo: Collybia velutipes (Curtis : Fries) Quélet

cappello: 3-5 cm, inizialmente convesso, poi piano, anche depresso, sovente irregolarmente sinuoso; cuticola viscida, da glabra a leggermente pruinosa, di colore giallo-arancio, giallo-fulvastro.

lamelle: da sublibere ad annesse al gambo, rade, bianche, poi rosate, filo intero.

gambo: 3-7 x 0,4-0,6 cm, cilindrico, incurvato, subradicante, fistoloso, anche eccentrico, unito alla base con altri gambi, tipicamente vellutato, giallo fulvastro all’apice, bruno nerastro verso la base.

carne: giallognola, con odore leggermente rancido, sapore mite.

spore: bianche, cilindrico-ellissoidi, lisce, 8-10,5 x 3-4,5 µm.

habitat: su tronchi di latifoglie, prevalentemente su salice, a crescita cespitosa, dal tardo autunno fino all’inverno inoltrato.

Osservazioni: il genere Flammulina è quasi monospecifico, nel senso che Flammulina velutipes è l’unica specie inclusa in questo genere comunemente rinvenibile; è fungo collybioide (con gambo cartilagineo e senza anello, lamelle da sublibere ad annesse al gambo), commestibile, riconoscibile per il gambo vellutato e per la crescita cespitosa su tronchi di latifoglia in inverno inoltrato, sovente si trovano carpofori congelati dal freddo.

 

Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 

 Lunedì 21 gennaio 2019 apertura sede e presentazione programma 1 semestre 

 


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.