foto: S. Aiana (COMMESTIBILE)
foto: S. Aiana (COMMESTIBILE)

Agaricus campestris   Linneo : Fries       1821


Sinonimo: Psalliota campestris (Linneo : Fries) Quélet

cappello: 5-10 cm, inizialmente emisferico convesso, poi piano, piano-convesso, margine sottile eccedente le lamelle e appendicolato; cuticola bianca, sovente soffusa di rosa, dissociata in squame fibrillose-fioccose, non ingiallente per manipolazione.

lamelle: libere al gambo, fitte, strette, rosate, poi bruno scuro con toni porporini, filo intero.

gambo: 4-7 x 1-1,5 cm, da cilindrico a subfusiforme, bianco, a volte con toni rosati all’apice, fioccoso squamoso, con anello membranoso di colore bianco.

carne: bianca, al taglio diventa leggermente rosata nella zona alta del gambo, con odore gradevole fungino, non simile a mandorle o fenolo, sapore gradevole.

spore: bruno-porpora scuro, ellissoidi, lisce, 6,5-8 x 5-5,5 µm.

habitat: nei prati, giardini, a crescita gregaria, in estate-autunno.

Osservazioni: le specie appartenenti al genere Agaricus, un tempo Psalliota, sono funghi carnosi, asciutti (non viscidi), eterogenei, con lamelle libere e spore bruno-porpora, con anello. Agaricus campestris, fungo comunemente conosciuto col nome di prataiolo, è commestibile ma facilmente confondibile con A. pseudopratensis, specie tossica crescente nei prati come A. campestris.

Copyright Gruppo Micologico Vittadini Monza

 Lunedì 21 gennaio 2019 apertura sede e presentazione programma 1 semestre 

 


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.