Macrolepiota rachodes var. venenata (Bon) Gminder 2003

Note: Macrolepiota rhacodes var. venenata è quasi un sosia di Macrolepiota rhacodes, dalla quale si distingue, sempre con notevole difficoltà, per un’insieme di piccoli e fugaci caratteri, quali: il cappello con cuticola dissociata in senso radiale in squame più fibrillose, con il margine notevolmente villoso molto debordante, il gambo con bulbo più nettamente marginato, la carne più ingrigente che arrossante, e per l’assenza di giunti a fibbia. Quest’ultimo carattere è di non facile accertamento, perché i giunti a fibbia sono difficili da trovare anche nelle Macrolepiota che in letteratura sono date con giunti a fibbia, perciò da tenere poco in considerazione in quanto potrebbe indurre ad un’errata determinazione.

In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino al 24 novembre


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.