Echinoderma calcicola (Knudsen) Bon 1991

Note: Echinoderma calcicola si fa riconoscere principalmente per le grosse squame irsute e ricurve, di colore bruno scuro, facilmente caduche, che ricoprono il cappello su sfondo feltrato-lanoso, richiamante un riccio in esemplari giovani, per le ife dell’epicute perlopiù ellissoidali allungate, e per le spore molto piccole.

Echinoderma perplexum è molto simile a E. calcicola, ma si distingue benissimo per le spore più grandi, più lunghe e strette con Qm > 2, e per le ife dell’epicute più corte, quasi subsferiche. Echinoderma hystrix ha anello più distinto, squame coniche più persistenti, non caduche, il filo lamellare maculato di bruno-nerastro per via dei cheilocistidi colorati di bruno, e spore ancora più grandi.

In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino al 24 novembre


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.