Agaricus bernardii Quél. 1878

Note: Agaricus bernardii si riconosce per il portamento piuttosto tozzo, molto carnoso e robusto, con il margine del cappello fortemente involuto, richiamante in sezione le corna di un montone, per la carne con odore sgradevole, arrossante al taglio soprattutto nella zona adiacente le lamelle e all’attaccatura del gambo con il cappello, e per l’anello infero, spesso con esigui frammenti di velo generale alla base del gambo.

Agaricus bernardiiformis, è molto simile ma con cappello squamoso-fibrilloso, anello cotonoso, carne non arrossante e praticamente inodore. Agaricus bitorquis si distingue principalmente per il cappello biancastro, la carne meno arrossante e con odore gradevole, per i residui di velo generale alla base del gambo più evidenti tali da simulare una sorta di volva.

In ottemperanza alle disposizioni del recente DPCM 24 ottobre 2020, recante Misure urgenti di contenimento del contagio (diffusione del virus COVID-19) sullintero territorio nazionale, si dispone che la sede rimarrà chiusa fino al 24 novembre


  1. Coniophora puteana.

I funghi ci vengono a trovare in casa.

Centro studi del Gruppo "C. Vittadini" Monza - Cascina Bastia.